Chemioembolizzazione: LifePearl® di Terumo riconosciuto come dispositivo di classe III

Un nuovo obiettivo in materia di sicurezza e salute del paziente è stato conseguito dallo storico partner di GADA Terumo. Proprio in questi giorni, infatti, l’azienda giapponese ha annunciato il riconoscimento di LifePearl® Microspheres come dispositivo di Classe III a livello europeo. Finalizzato al trattamento del carcinoma epatico primario e secondario, LifePearl® è costituito da una gamma di microsfere biocompatibili in grado di caricare e rilasciare agenti chemioterapici in modo controllato.

L’approvazione conseguita permetterà di caricare nel dispositivo della Terumo, oltre a doxorubicina e irinotecan, anche altri agenti chemioterapici come idarubicina ed epirubicina, fornendo così più alternative di trattamento per i radiologi interventisti che eseguono le procedure TACE (trans-arterial chemioembolization). Di particolare rilievo è l’opzione relativa all’idarubicina, la cui efficacia nel penetrare le membrane cellulari è stata documentata nel recente studio “Screening of Anti-Cancer Drugs for chemo-embolization of hepatocellular carcinoma” (Boulin M, et al., Anticancer Drugs 2011, 22:741-8).